Il piede diabetico

Il piede diabetico è una delle complicanze dovute al diabete.

Il diabete è un disturbo metabolico cronico legato ad elevati valori di glucosio nel sangue, condizione conosciuta come iperglicemia. Ne esistono vari tipi: il diabete di tipo 1 è caratterizzato da una mancata produzione di insulina da parte del pancreas, il diabete di tipo 2 è causato da una mancata risposta all'insulina da parte delle sue cellule bersaglio (insulino-resistenza).

Nel tempo, il diabete, porta a numerose e serie complicanze, tra le più frequenti può manifestarsi una condizione nota come «piede diabetico».

Il piede diabetico è la risultante di complicanze a carico della circolazione sanguigna e del sistema nervoso periferico. Il restringimento delle arterie (vasocostrizione) porta a una diminuzione dell'afflusso di sangue alle estremità (arteriopatia periferica).

L'arteriopatia periferica ha come conseguenza il minor apporto di ossigeno e sostanze nutritive al piede; le ossa e le articolazioni tendono a indebolirsi, il piede diventa piatto e si creano nuovi punti di pressione in cui la pelle si può danneggiare, queste lesioni possono evolvere fino a vere e proprie ulcerazioni.

I danni a livello del sistema nervoso periferico portano a una riduzione della sensibilità al dolore (neuropatia diabetica) con maggiore probabilità di ferirsi o difficoltà nel riconoscere situazioni di sofferenza (ad esempio calzature non idonee).

La prevenzione è la miglior arma a disposizione del paziente diabetico per evitare ulcerazioni al piede. È molto importante, in presenza di neuropatia sensitiva, controllare frequentemente lo stato del piede in quanto in assenza di stimoli dolorifici si potrebbe, ad esempio, continuare a calzare una scarpa inadatta che potrebbe compromettere la salute del piede.

In generale è consigliabile seguire alcune semplici regole che possono ridurre la probabilità di sviluppare pericolose complicanze:

  • controllare accuratamente i piedi tutti i giorni, assicurandosi che non ci siano ferite, bolle o zone irritate e arrossate;
  • lavarli tutti i giorni con acqua tiepida e asciugarli con cura assicurandosi che non rimangano zone umide;
  • è molto importante idratare i piedi ogni giorno con una crema emolliente senza profumo per mantenere la pelle sana ed elastica;
  • usare calzini (preferibilmente di filo di Scozia o di cotone) che non blocchino la circolazione e cambiarli tutti i giorni;
  • mantenere le unghie corte tagliandole sempre diritte e avendo cura di smussare le estremità;
  • usare scarpe molto comode con punta rotonda in modo da permettere il libero movimento delle dita; evitare i tacchi superiori ai 4 cm;
  • non usare scarpe aperte davanti e dietro per evitare che piccoli oggetti taglienti feriscano il piede;
  • non camminare mai a piedi nudi, anche su superfici lisce;
  • evitare esposizioni dirette a fonti di calore che potrebbero provocare ustioni.