La cute secca nell'anziano

Con l'avanzare dell'età si verificano numerosi cambiamenti a livello della pelle che comprendono un invecchiamento para-fisiologico e un invecchiamento legato all'esposizione solare o foto-invecchiamento.

La pelle secca (xerosi) nell'anziano

L'invecchiamento fisiologico è caratterizzato da una graduale riduzione dell'attività della ghiandola sebacea, questo comporta da un lato una riduzione della produzione di sebo, ma anche la riduzione di produzione di glicerolo, sostanza fondamentale per il trasporto di acqua tra i vari strati della pelle.

Un'altra importante modifica è l'assottigliamento del derma, sede della maggior parte dell'acqua cutanea. Questo deficit di acqua e glicerolo può essere facilmente corretto con prodotti emollienti ricchi in glicerolo saturo in acqua.

La pelle, più esposta all'effetto dannoso degli agenti esterni (tossine, batteri, inquinanti ambientali), diviene così più sensibile ed è maggiormente interessata a fenomeni irritativi e infiammatori con la comparsa frequente di sensazioni fastidiose quali il prurito.

La xerosi cutanea quando è accompagnata da prurito può essere così invalidante da modificare in modo negativo la qualità della vita dell'anziano.

Tra le principali cause di secchezza cutanea ci sono una fisiologica alterazione del film idro-lipidico superficiale e un'alterazione della fisiologica desquamazione cutanea.

In presenza di secchezza cutanea, soprattutto nel soggetto anziano sono utili prodotti emollienti che idratino la pelle secca e ricostituiscano la barriera cutanea alterata, utilizzati quotidianamente.

10 regole antiprurito